fbpx

Onde d'urto radiali

Le Onde d’urto sono onde acustiche che trasportano un alto quantitativo di energia attraverso i tessuti e che s’irradiano attraverso questi ultimi provocando una serie di effetti fisici e chimici.

L’efficacia dell’onda d’urto è correlata a due effetti:

1. l’effetto “cavitazione” (rapida formazione e collasso di bolle di vapore all’interno di un liquido) provocato dalla depressione susseguente l’impulso, che supera le caratteristiche elastiche del tessuto;

2. effetto diretto dell’impulso sul tessuto nella zona bersaglio e per fenomeni di riflessione, in punti di passaggio tra tessuti molli (tendini, muscoli) e tessuti più compatti (ossa e formazioni calcifica).

La conseguenza di questi due effetti è un aumento della vascolarizzazione nella zona colpita, per la stimolazione da parte degli impulsi sulle fibre nervose simpatiche e sulle membrane cellulari.

Si attiva quindi la secrezione di sostanze endogene che hanno come conseguenza la rimozione dei fattori infiammatori, l’inibizione delle vie del dolore e la stimolazione per la formazione di nuovi vasi (neoangiogenesi).

A livello del tessuto osseo, in caso di fratture recenti, si produce un effetto simile con aumento della vascolarizzazione e conseguente stimolazione osteogenica (formazione di tessuto osseo).

Le onde d’urto hanno vari campi di utilizzo.

Patologie ossee:

Ritardi di consolidamento;
Fratture da stress.

Patologie dei tessuti molli:

Rrigidità articolari (gomito, Spalla, ginocchio, anca);

Calcificazioni;
Miositi ossificanti;
Fibromatosi di muscoli,
Legamenti o fasce;
Tendinopatie

×